Macchine CNC per il marmista. Come divincolarsi tra le varie tipologie e modelli? Un pò di chiarezza sulle macchine CNC focalizzandoci principalmente sulle macchine CNC del settore lavorazione marmo e del granito.

Applicazioni industriali che prevedono il taglio, la tornitura e la frantumazione di materiali “duri” come l’acciaio o pietre naturali come i graniti necessitano di utensili composti da materiali “eccezionalmente” duri, di elevata durezza ed elevata resistenza alle temperature di taglio.

Attacchi utensili per macchine a controllo numerico, pantografi, centri di lavoro o torni. Pinze ER, attacchi filettati, Ghiere di serraggio, Coni mandrino , adattatori e prolunghe. Facciamo un pò di chiarezza.

Se sei un operatore di macchine CNC hai certamente familiarità con l’utilizzo dei coni portautensili che permettono di collegare i vari utensili all’elettromandrino del centro di lavoro.
In questo articolo vederemo a cosa serve un cono mandrino, da cosa e composto e come si differenziano. Analizziamo anche le personalizzazioni da parte dei costruttori del settore marmo-vetro.

Nelle lavorazioni CNC avere una funzionalità di compensazione delle irregolarità delle superfici da lavorare è indispensabile. Una lastra non è mai perfettamente planare e le irregolarità possono inficiare il lavoro finale quando sono previste scritte e incisioni con profondità di taglio dell’ordine del millimetro.Per risolvere questo problema alcune macchine CNC forniscono la funzionalità della Planarità

Ti sei mai chiesto se la tua macchina CNC è “abbastanza veloce” ad eseguire un bassorilievo?
Perchè i tempi di esecuzione dello stesso bassorilievo, sullo stesso tipo di marmo, con lo stesso utensile e con lo stesso feed di taglio possono differire tra una macchina e l’altra?
E se potessi terminare l’esecuzione di un bassorilievo in 3 ore piuttosto che in 5 ore ?
Cosa cambia tra un CN economico ed uno professionale?

Quando si lavora il marmo il modo di utilizzare l’utensile elettrodeposto può variare ma bisogna sempre stare attenti alla resa e alle prestazioni.. Utilizzare un utensile nel modo errato porta a perdite di tempo e di soldi perchè l’utensile non viene sfruttato al 100% o viene sfruttato nel modo sbagliato.

Gli utensili manuali spiegati dal famoso scultore Peter Rockwell. In estrema sintesi la lavorazione della pietra fondamentalmente è una forma d’arte di percussione basata su martello e scalpello. Lo scultore nel video tratta tutta una serie di utensili sia a percussione che abrasivi

Quanto è preciso il vostro pantografo CNC Next ?
Perché montate motori passo passo (stepper) e non motori brushless (servomotori) ?
Qual è la velocità della macchina ?

La Nicolai Diamant offre una vasta varietà di frese a candela sinterizzate, progettate per offrire le migliori prestazioni di taglio e durata a seconda delle esigenze.
I marmisti che scegliono la giusta fresa a candela lavorano anche meglio perché sono più veloci, risparmiano, ottengono migliori risultati e consumano meno frese.

Nicolai Diamant ti offre più di 40 differenti tipologie di Frese a Candela.

La scelta della giusta fresa a candela sinterizzata può essere fatta rispondendo a 5 semplici domande:

  1. Materiale da lavorare? granito, agglomerato, ceramica
  2. Durezza del materiale? duro, medio o tenero
  3. Diametro utensile? da 16 mm fino a 24 mm
  4. Quanti settori? più settori più velocità di taglio
  5. Altezza utile di taglio? da 20 mm fino a 55 mm

Questo grafico ti aiuterà a scegliere direttamente la fresa a candela adatta alle tue esigenze. Provalo!